Martedi, Ottobre 17, 2017 /
ItalianoEnglish
Notizie Celebrazioni del 25 aprile: Una liberazione che diede nuova speranza all'Italia
25Apr2014

Celebrazioni del 25 aprile: Una liberazione che diede nuova speranza all'Italia

Di seguito il testo integrale del discorso tenuto, in occasione del 25 aprile, dal consigliere della Comunità Ebraica di Venezia con delega alla cultura, Enrico Levis, intervenuto questa mattina in Campo del Ghetto, al termine del percorso della memoria.

Celebriamo qui assieme - oggi - i 69 anni dalla Liberazione dal giogo della dittatura. Liberazione che segna un nuovo inizio per tutti gli italiani e che restituisce ad un’Italia disonorata un nuovo ruolo pieno di sogni e di speranze.

Un inizio pieno di speranze, essendo stata veramente la Resistenza una lotta di popolo, senza distinzioni sociali, con una partecipazione attiva alla vita della collettività: il che non era stato invece per il periodo intercorso tra la realizzazione dell’unità italiana e la prima guerra mondiale.

Una partecipazione difficile da pensare oggi - con l’attuale crisi radicale della politica e, spesso, la mancanza di una qualche profondità storica che vada al di là di un piatto conformismo mediatico per il quale tutto appare sfumato o indistinto – tanto più dopo che una certa retorica resistenziale adottata da tanta parte dell’Italia postbellica aveva dovuto quasi compensare l’assenza di un autentico reale rinnovamento nella vita civile.

Per questo ancor più difficile può essere pensare oggi come - solo un anno prima della Liberazione, 70 anni fa appunto - a partire dalla notte del 5 dicembre ‘43 - Venezia avesse visto la frenetica caccia agli ebrei dalle loro case e dalla Casa di ricovero, con l’arresto e la deportazione di più di duecento ebrei (che fossero vecchi, donne o bambini – anche di pochi mesi), finiti per la maggior parte nel campo di sterminio di Auschwitz. Deportazione cui i fascisti italiani diedero - è giusto ricordarlo qui - il loro orrendo contributo.

E quanto mai incomprensibili possono apparire oggi - tra quelle atroci violenze - le vicende particolarmente odiose che - nell’agosto ’44 - videro il prelevamento dalla Casa di riposo di 21 ultrasettantenni assieme al rabbino capo della Comunità Adolfo Ottolenghi: proprio da questo campo di Ghetto, dove solo nel gennaio di quest’anno è stata posta una pietra di inciampo, a ricordo di tali tragici avvenimenti.

E il 25 aprile 1945 - con il ritorno frastornato e dolente della pace e della libertà – per la Comunità ebraica poteva iniziare finalmente una riaggregazione del tessuto sociale e dell’impalcatura politico-istituzionale, sia pure in un impervio cammino di reintegrazione nella vita civile e democratica, dopo che – con le leggi razziali del ’38 - ne erano stati sradicati.

I testimoni diretti di tali avvenimenti non ci sono più. Alla ricerca di ricostruire le esperienze di allora - oltre a tornare, come oggi, sui luoghi degli eventi - possiamo però volgerci alla letteratura - ad es. ad autori anti-retorici e classici come Italo Calvino o Luigi Meneghello che, mossi da una simile tensione etica, ci possono illuminare su quegli anni bui, aiutandoci a conoscerli e comprenderli con uno scrupolo storico e - sovente - un linguaggio ricco di poesia.

Sono queste le letture che preferiamo, rispetto ai tentativi recenti di delegittimare la figura di Primo Levi e la sua esperienza come partigiano. Tentativi simili sembrano, ahimè!, corrispondere all’attuale smania editoriale di rimpicciolire tutto, a partire - purtroppo - dal testimone/simbolo della deportazione degli ebrei italiani e - più in generale - della letteratura civile.

E’ Levi stesso a fornirci d’altra parte le notizie essenziali circa i primi difficili tentativi di aggregazione di una delle piccole formazioni passate alla clandestinità cui lui stesso si unì prima di venire catturato, ed avviato successivamente al campo di Fossoli e, quindi, di Auschwitz.

Per questo – al di là delle parole, a volte fuorvianti – quanto mai significativa mi sembra invece l’odierna partecipazione corale di tanti studenti delle Scuole veneziane che - con i loro canti - possono indicare in maniera diversa una strada comune da riagganciare e da riprendere, aiutando anch’essi a conoscere e rivivere una stagione tanto travagliata, in una generosa unione di intenti che dia voce e spessore alla fatica di un percorso pieno di drammi e di incertezze.

Enrico Levis, consigliere della Comunità Ebraica di Venezia

Pubblicato in Notizie

Questo sito utilizza cookie in linea con le tue preferenze. Cliccando sul bottone "Accetta" acconsentirai all'uso dei cookies. Per avere maggiori informazioni sui Cookies e su come eventualmente cancellarli visitare la nostra privacy policy.

Accetto i Cookies da questo sito

EU Cookie Directive Module Information